Il nostro sito utilizza i cookies - alcuni sono essenziali al funzionamento del sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza utente. Utilizzando questo sito, state consentendo l'uso di questi cookie. Per ottenere maggiori informazioni, vi preghiamo di leggere la nostra informativa sulla privacy.


Our site uses cookies – some are essential to make the site work; others help us improve the user experience. By using the site, you consent to the use of these cookies. To learn more about cookies, please read our privacy statement.

23/01/2018 - da: BLOGTAORMINA.IT 
Mentre il Comune di Taormina chiede ufficialmente la gestione del villaggio Le Rocce in comodato d’uso gratuito, spunta a sorpresa anche l’ipotesi di un patto comprensoriale per l’oasi naturalistica, che oltre a Taormina comprenderebbe pure i Comuni di Letojanni e Castelmola.

A lanciare questa prospettiva, provocatoria e destinata a far discutere è il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, secondo cui “il villaggio Le Rocce va trasformato in un parco per nudisti”.

“Il problema del villaggio Le Rocce non riguarda soltanto Taormina – afferma Russo -. Qui si parla di un bene che appartiene all’intero comprensorio e, a maggior ragione dopo il pronunciamento del Cga, la questione va affrontata dai tre sindaci con una riflessione congiunta, tutti insieme. Dispiace intanto per il maestro Presti che si era impegnato per cercare di riqualificare l’area e che merita comunque rispetto per l’idea che ha provato a mettere in campo. Ora serve una soluzione, che in ogni caso consenta un utilizzo pubblico e aperto a tutti”.

“Io lancio una proposta – aggiunge Russo – che avevo già avanzato nei primi Anni Duemila quando ero presidente dell’allora Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Taormina: nessuno si scandalizzi ma si potrebbe fare de Le Rocce un parco per nudisti. Sarebbe praticamente l’unica grande area per il naturismo al Sud, il turismo è anche questo. La mia non è una semplice provocazione, è una proposta fattibile”.

 

Leggi l'articolo originale