Il nostro sito utilizza i cookies - alcuni sono essenziali al funzionamento del sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza utente. Utilizzando questo sito, state consentendo l'uso di questi cookie. Per ottenere maggiori informazioni, vi preghiamo di leggere la nostra informativa sulla privacy.


Our site uses cookies – some are essential to make the site work; others help us improve the user experience. By using the site, you consent to the use of these cookies. To learn more about cookies, please read our privacy statement.

12/10/2016 - da: Montagna.tv 
Se vi capita nelle prossime settimane di transitare su alcuni sentieri delle Prealpi Bresciane sappiate che potrete imbattervi in una speciale categoria di escursionisti che all’insegna di: “nudo è meglio” se ne vanno per sentieri e creste in cerca d’emozioni.

Anche la vostra sorpresa sarà carica di emozioni, sebbene le temperature di questi giorni qualche deroga alla nudità per questioni di salute potrebbe suggerirla.

“Camminare in montagna in nudità – si legge sul blog di “Mondo nudo” dedicato all’argomento – può apparire per nulla sensato o addirittura pericoloso, in realtà ha molto senso e i pericoli sono esattamente gli stessi dell’escursionismo fatto stando rigorosamente vestiti”.

Il 16 ottobre è prevista la traversata delle Colombine, un’escursione semplice dove dopo una ventina di minuti dalla partenza si incontreranno i primi resti della Grande Guerra, una piazzola d’artiglieria ben conservata; poco sopra, appena discesi dalla vetta del Dasdana, si seguirà un tratto delle trincee che ancora sono perfettamente visibili e percorribili su questo versante della montagna; più avanti si incontrerà la mulattiera militare che saliva dalla caserma sita al Pian delle Baste.

Che dire un modo particolare di vivere in totale libertà la montagna.

Leggi l'articolo originale